Your stuff in here
rischi-energy-drink

Rischi degli energy drink: problemi al cuore per i più giovani

Gli energy drink sono delle bevande molto in voga tra i più giovani, soprattutto la sera nei locali notturni. Ragazzi e ragazze ne bevono anche diversi a poche ore di distanza. Ma quali sono i rischi legati al loro consumo?

Quali sono i rischi degli energy drink per la salute e il corpo?

A rispondere a questa domanda, ha pensato la ricerca dell’America Heart Association, che sulla sua rivista, a fine maggio 2019, ha pubblicato uno studio sui rischi cardiologici legati al consumo di energy drink. 

La ricerca è stata effettuata su un pubblico di volontari dai 18 ai 40 anni, senza problemi di salute. 

Le persone che hanno partecipato allo studio sono stati divisi in due gruppi. 

Al primo dei due è stato chiesto di bere per tre giorni consecutivi 900 grammi di un energy drink, in 60 minuti, a distanza minima di mezz’ora; all’altro una bibita a base di acqua minerale aromatizzata. 

A termine della sperimentazione chi aveva bevuto energy drink, mostrava un rialzo della pressione e una modificazione del ritmo cardiaco (rilevato tramite elettrocardiogramma), problemi che possono portare col tempo allo sviluppo di aritmie.

Rischi degli energy drink: come possono essere spiegate le problematiche riscontrate?

Queste bevande energetiche contengono al loro interno la qualità di circa tre caffè espresso, ma spesso gli energy drink vengono bevuti in discoteca quando si ha sete. 

Si finisce per assumerne anche 4 o 5 lattine per serata. 

La caffeina inoltre non viene espulsa con il sudore, accumulandosi nel corpo e creando le basi per problemi cardiaci.

Non è quindi la taurina, altro ingrediente contenuto in queste bevande, a dare l’energia, ma la caffeina, che può portare ad avere reali effetti sia cardiologici sia neurologici.

Se consideriamo inoltre che alla sollecitazione cardiaca dovuta alla caffeina, si aggiunge quella data da un’attività fisica intensa come la danza in discoteca, avremo un sistema cardiovascolare che verrà enormemente sollecitato.

Il consumo di energy drink è sempre in aumento

Ne fa uso quotidiano quasi il 3% dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni mentre il 49% ne fa uso occasionale. Dieci anni fa il dato era fermo al 40%.

Spesso le bevande energetiche sono consumate perché si pensa che combattano la sedazione da alcol, ma è solo una credenza non reale. Non è stato infatti dimostrato che gli energy drink diminuiscano gli effetti dei super alcolici.

Inoltre non c’è sensibilizzazione verso i rischi che può comportare un eccesso di queste bevande come si fa per gli alcolici. 

Le bevande energetiche sono vendute liberamente e spesso a promuoverle sono personaggi sportivi o vip che si prendono cura del loro corpo.

Sarebbe invece necessario segnalare sulle lattine che ne è sconsigliato l’utilizzo ai cardiopatici come ai diabetici, per via dello zucchero presente in dosi eccessive.

E’ pertanto importante farne un uso moderato e spiegare ai propri figli, che potrebbero consumarli, quanto un uso eccessivo possa essere pericoloso.

E’ infine indispensabile fare un controllo periodico al cuore o, per i più giovani, prenotare una visita di medicina sportiva per assicurarsi di essere in ottimo stato di salute.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Scrivi un commento

Menù